Il bene e il male faccia a faccia – "Habeas corpus" su Malpensa24

I8nMWbKGZNo78pDmYO2raGAcrFOzXKtSNXsyA4Sb.png


GALLARATE – I “voli della morte” e il dramma dei desaparecidos nel nuovo romanzo di Stefano Motta (nella foto).  Con Habeas Corpus-I voli della morte sotto la dittatura di Videla (Edizioni del Faro, 144 pagine) Motta, che insegna lettere all’Istituto Aeronautico “Ferrarin” di Gallarate e all’istituto aeronautico “Città di Varese” è scrittore e saggista e Membro della Giuria Tecnica del “Premio Letterario Internazionale A. Manzoni”, si immerge in una delle pagine più buie della storia del Novecento con un romanzo inatteso e durissimo, di difficile ma necessaria lettura.

IL BENE E IL MALE FACCIA A FACCIA

Lo si intuisce sin dall’attacco del primo capitolo, ma ci vuole qualche pagina per rendersi conto di quel che sta dicendo la voce narrante: l’apparente banalità con cui uno dei due protagonisti, un sottoufficiale dell’Esma – la Escuela Mecánica de la Armada di Buenos Aires – racconta il suo lavoro è dolorosa più del peggiore sadismo. L’altra voce, che si alterna nei capitoli pari, è quella purissima e a tratti ingenua di Alice Domon, “suor Cathy”, e per tutto il romanzo si spera che l’immagine bellissima della copertina non sia il presagio inevitabile di una fine che purtroppo i libri di storia ci hanno già raccontato.

Leggi tutto...»


Stefano Motta


Habeas corpus

Resta aggiornato

Vuoi rimanere informato su tutte le novità di Edizioni del faro?

Seguici
Ultimi premi letterari

Vuoi vedere quali libri hanno vinto?

Vai ai premi