Diaspora di Claudio Tugnoli in Biblioteca a Trento



Diaspora versus autoctonia. La nascita di per sé non è ancora l’evento che decide l’autoctonia, giacché chi viene al mondo viene da un altrove, per quanto ignoto esso sia; e dunque anche l’uscita dal ventre materno si configura come atto di migrazione, sempre accompagnato dal rischio di naufragio e annegamento. Nessun neonato sarebbe dei “nostri” per i sostenitori del diritto primario dell’autoctonia e dunque dovrebbe dichiarare le proprie generalità, lasciarsi identificare, in attesa che qualcuno decida se è autorizzato a rimanere. E non a caso al neonato si attribuisce un nome e un adulto, anche lui però migrante una volta, lo riconosce e lo accoglie. L’autoctonia è la condizione di chi, trascorso un certo tempo nello stesso luogo e avendo dimenticato la sua origine di migrante, rivendica un diritto speciale rispetto a chi sopraggiunge. L’uomo è naturaliter animale migrante ab origine e l’autoctonia è l’invenzione di chi vorrebbe opporsi al movimento della vita. L’autoctonia, celebrata nel mito di Cadmo seminatore dei denti del drago sconfitto, non è una categoria dello spirito, ma l’Europa sembra oggi aggrapparvisi di nuovo, dimenticando l’origine straniera della stessa figlia di Agenore, re di Tiro.  

Diaspora

Catalogo

Catalogo Edizioni del Faro

È disponibile, in diversi formati, il catalogo di Edizioni del faro.

Scarica il catalogo
Resta aggiornato

Vuoi rimanere informato su tutte le novità di Edizioni del faro?

Seguici
Ultimi premi letterari

Vuoi vedere quali libri hanno vinto?

Vai ai premi