Oggi pomeriggio vado in chiesa a fare la rivoluzione! http://franzmagazine.com/2015/07/21/lukas-zanotti-oggi-pomeriggio-vado-chiesa-fare-la-rivoluzione/



E anche questa volta l’idea è semplice: seguendo un ormai consueto e personale ‘modus operandi’ etico ed artistico, con il consapevole e voluto posizionamento fuori da ogni sistema e da ogni logica di potere, inserisco clandestinamente delle mie opere nelle chiese; lascio lì le opere affinché chiunque sia totalmente libero di farne ciò che vuole (guardarle, prenderle, rubarle, distruggerle o modificarle, spostarle, ecc.). Tali mie incursioni, nei musei piuttosto che nei gabinetti pubblici, nelle biblioteche, all’università, nei supermercati o all’ospedale, così come in mille altri posti e luoghi, partono dal presupposto che ogni ‘artefatto’ deve mostrare, per essere tale, la sua essenza, ossia: l’incursione clandestina di un oggetto nella vita di un soggetto, che ne viene così terroristicamente rivoluzionato. Incursione clandestina, intesa come un dono inaspettato, che vive solo nell’atto concreto e reale del donare. D’altronde l’opera, lo dice l’etimologia stessa, deve essere dono, e non solo metaforicamente o simbolicamente, bensì realmente e concretamente. L’opera va vissuta come un dono, altrimenti non è tale. Inoltre, come detto, non può essere l’artista o chi per lui a decidere la modalità di fruizione dell’opera, bensì ognuno deve essere totalmente libero in questo processo (distruggendola, mangiandola, modificandola, rubandola, spostandola, guardandola, incendiandola magari, ecc.). E se l’artefatto è e può essere solo un dono a tutti gli effetti, l’atto artistico è essenzialmente l’azione anarchico-rivoluzionaria del donare, perché sennò si risolverebbe ahimé in mero gioco di sistema, inutile retorica o, peggio, ammiccante demagogia. Infatti l’unico atto rivoluzionario e terroristico possibile è il donare, ossia dare ad altri spontaneamente e senza retribuzione o compenso, dare in cambio, provocare, ispirare. Donare è rivoluzionare! Ricevere è trasformare! Dunque, l’atto è questo: mie opere introdotte clandestinamente, come dono, nelle chiese, ossia: vado in chiesa a fare la rivoluzione! Profanazione di luogo sacro? No, rivoluzione, la rivoluzione terroristica del dono. E dove, se non in chiesa? il luogo deputato alla rivoluzione, al rito cerimoniale della rivoluzione, la rivoluzione di Cristo, la rivoluzione del dono e del donare. In chiesa! In chiesa, allora, luogo dello scambio e della condivisione, del baratto spirituale attraverso il materiale, lo spazio vitale dell’oblazione, edificio sacro perché vivo! Insomma, in un mondo che sta sempre più drammaticamente allargando la forbice tra povertà e ricchezza, l’opera d’arte per essere rivoluzionaria e vera deve farsi pura oblazione. Amen!     Prossimi impegni: 1# Luglio, agosto, settembre: ‘Artist in residence’, Musée Visionnaire, Zurigo. 2# Ottobre: esposizione personale, MAI Museo Arte Irregolare, Sospiro, Cremona. 3# Novembre: tavole illustrative per la pubblicazione italiana degli scritti di Alain-Pierre Pillet, curata dall’Istituto di Patafisica Francese; partecipazione alla esposizione “Birdman”, Museum Gugging, Maria Gugging, Vienna. 4# Dicembre: reading-polifonico con il musicista Peter Holzknecht basato sul libro “Grimorio”, Biblioteca Provinciale Italiana, Bolzano.

Lukas Zanotti

Catalogo

Catalogo Edizioni del Faro

È disponibile, in diversi formati, il catalogo di Edizioni del faro.

Scarica il catalogo
Resta aggiornato

Vuoi rimanere informato su tutte le novità di Edizioni del faro?

Seguici
Ultimi premi letterari

Vuoi vedere quali libri hanno vinto?

Vai ai premi