9788865372494.jpg


ottobre 2014
Pagine 123
Formato cm 14,8 x 21
ISBN: 9788865372494
Categoria: Biografie, diari e memorie

Vita per l’Indipendenza d’Italia e prigionia di Paracchini Giuseppe

1917-1918



Il diario di Giuseppe Paracchini si apre il 12 febbraio 1917, quando il suo autore, non ancora ventenne, parte da Bra per il fronte del Carso. Già quattro giorni dopo si trova in trincea nella zona del vallone del Doberdò, sotto il tiro dell’artiglieria austriaca, e nella zona rimane fino alla fine di ottobre. Quando circola voce che l’esercito italiano è in rotta e i Tedeschi sono giunti a Cividale, non vuole credere alle notizie: “Sarà qualche farabutto!”: ma la situazione è davvero drammatica. Il 27 ottobre arriva l’ordine di ritirarsi al di qua del Tagliamento e di dirigersi a nord verso il Monte Corno. Con la ritirata aumentano anche i disagi quotidiani: manca il cibo, il freddo si fa sentire, e il 3 novembre gli Austriaci passano anche il Tagliamento. Il 6 novembre Giuseppe, sempre accompagnato dal suo diario, è fatto prigioniero con la sua Compagnia e portato in treno al campo di prigionia di Marketrenk, presso Linz, dove rimane fino al 2 novembre 1918, quando gli Austriaci, ormai sconfitti, sguarniscono il campo. A gruppi, i soldati italiani si dirigono a piedi verso il confine attraverso la Val Badia, finché il 4 novembre “dopo aver mangiato un piatto di maccheroni al sugo, si parte per costituirci all’autorità italiana, perché ci invia presto a casa dai nostri cari che da 22 mesi non ci vedono più”.


Nato nei pressi di Novara nel 1897, Giuseppe Paracchini, pur venendo da famiglia contadina dalle possibilità economiche assai limitate, ebbe la fortuna e la capacità di arricchire l’educazione scolastica con la lettura dei classici e con approfondimenti coltivati per interesse personale. Come tantissimi ragazzi suoi coetanei, fu preso dal vortice della Grande Guerra: e, durante l’esperienza estrema del fronte e della prigionia, scrisse questo diario. Tornato alla vita civile si sposò ed ebbe due figlie; salvo la parentesi in cui fu richiamato alle armi, nella contraerea durante la Seconda Guerra Mondiale, condusse un negozio da ciclista che fu per anni anche centro di attività sportive e piacevolissimo ritrovo per molti amici, fino alla morte avvenuta improvvisamente nel febbraio del 1962.

E-book

Acquisto e-book nella versione ePub     Acquisto e-book nella versione mobi


13,00

 

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni.
Resta aggiornato

Vuoi rimanere informato su tutte le novità di Edizioni del faro?

Seguici
Ultimi premi letterari

Vuoi vedere quali libri hanno vinto?

Vai ai premi