Ornella Gatti

Ornella Gatti, autrice di Roma, ama la lettura e, soprattutto, il mare. Vive, infatti, su una barca a vela ormeggiata alla sponda del Tevere, nei pressi della foce e, quando il tempo è mite, fugge via ad assaporare il mare aperto. Ha preso parte a vari concorsi letterari con poesie e racconti, pubblicando alcuni suoi scritti con diversi editori. Attraverso gli impulsi emotivi, il fascino della natura e le meraviglie del creato, la poetessa scopre la sensibilità dell’anima, il valore dello spirito e lo spessore della bellezza; descrive, quindi, le sue sensazioni in versi la cui pienezza elegiaca ci fa conoscere l’essenza di un’autrice che merita gli onori della cultura contemporanea.
I sentimenti sono valori che si rivelano preziose gemme, in quanto l’anima del poeta riesce a comunicare percezioni e riflessioni che gli offrono il quorum del bello e della bellezza stessa; la nostra autrice, pertanto, ci fa incamminare nel suo tempio, là dove il silenzio scuote l’anima e nutre lo spirito, con quella certezza che canta le melodie del vivere, un vivere, per la poetessa romana, sostenuto da un humus elegiaco le cui aperture le offrono profumi di speranza e preludi di essenza cosmica.

Ultimi libri

Rassegna stampa

da recensionelibro.it 29/09/2020

Se lo sguardo è da un oblò di Ornella Gatti: recensione libro

Sia, di luce uno sguardo, d’attenzione un bisbiglio, di dolcezza una carezza, d’affetto il Vostro amore.

Scritto da Redazione - Recensione Libro.it

 


 

Trama e recensione libro Se lo sguardo è da un oblò di Ornella Gatti

Se lo sguardo è da un oblò della scrittrice emergente Ornella Gatti è una raccolta di poesie, di pensieri, di emozioni che attraversano il tempo. Sensazioni allo stato puro che per quanto personali diventano condivisibili e quindi diventano di chi le legge.

Guardando da un oblò, da una fessura piccola che però dà una visuale concentrata sui dettagli, si possono meglio cogliere emozioni, immagini e prospettive. Soprattutto si può viaggiare con la fantasia, con l’immaginazione, non solo con il corpo…

Guardando attraverso un oblò si ha la possibilità di scoprire spazi e sentirsi liberi, avendo l’infinito dinanzi a sé, ma sentendosi protetti. Questa la sensazione provata leggendo il libro Se lo sguardo è da un oblò.

Un elemento imprescindibile per Ornella Gatti è l’acqua che ispira e smuove, che culla e trascina giù con violenza, alzando onde che portano al cielo o facendo sprofondare nell’abisso.

Commento libro di Ornella Gatti

La scrittrice è capace di cogliere l’essenziale nei dettagli, nelle emozioni, nei suoi pensieri e rimandarli proprio come un’onda al lettore.

Se lo sguardo è da un oblò è una raccolta di una trentina di scritti che partono da molto lontano, che raccontano la parte più intima della scrittrice.

Ciò che si avverte leggendo questo libro è la necessità di Ornella Gatti di andare oltre, di navigare nuove acque, di non fermarsi. Lei vuole esplorare, immergersi e condividere.

Molto belle le poesie dedicate a chi ha perduto la vita in mare e alle vittime delle guerre dimenticate.

La poetessa dimostra di avere una sensibilità che va oltre il proprio territorio, che guarda anche agli altri, al di là di quello che ha dentro di sé. Non ha quindi solo uno sguardo rivolto verso l’interno ma anche verso l’esterno, il sociale, l’altro.

Libro consigliato a chi vuole navigare in acque a volte tumultuose altre delicate come un soffio.

 


Inserito 2 anni fa