Michele Michelino
Michele Michelino

Michele Michelino, nato a Casalpusterlengo (LO) nel 1949, è stato operaio nel reparto cavi della ditta Pirelli S.p.A. di Milano (1966-1974), poi nel reparto forgia della ditta Breda Fucine S.p.A. di Sesto San Giovanni (MI) (1976-1997) e dal 1997 al 2007 è stato operaio nel settore manutenzione (elettricista) del Comune di Milano. Presidente del Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio, è stato fondatore del Centro di Iniziativa Proletaria “G. Tagarelli” di Sesto San Giovanni.

Ultimi libri

Eventi

28 aprile giornata mondiale delle vittime dell’amianto:

28 aprile giornata mondiale delle vittime dell’amianto:

alle ore 11,30 una delegazione del Comitato porterà fiori alla lapide che le ricorda a Sesto San Giovanni in via Carducci.

Anche se i divieti di governo e regioni per il coronavirus impediscono ogni manifestazione, il nostro Comitato ricorderà comunque, nel rispetto delle norme di sicurezza, tutti i morti chiedendo giustizia per le vittime dell’amianto e per tutti i lavoratori e i cittadini assassinati per il profitto.

Sono passati 28 anni da quando l’Italia ha messo al bando l’amianto, ma siamo ancora uno dei paesi al mondo maggiormente colpiti dall’epidemia di malattie amianto-correlate. Secondo l’Oms, ancora oggi nel mondo sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer e nel nostro Paese la bonifica delle costruzioni contenenti amianto procede molto a rilento.

Ogni anno le vittime dell’amianto sono circa 6mila: 3600 per tumore polmonare, 600 per asbestosi, 1800 per mesotelioma, un tipo di cancro molto aggressivo che colpisce la pleura e altre membrane. L’amianto ha ucciso tanti lavoratori e lavoratrici, ma anche persone che respiravano la fibra dai vestiti altrui (per lo più mogli che lavavano le tute e abiti dei mariti) o che si trovavano nel posto sbagliato al momento sbagliato.

L’amianto ha ucciso, uccide e continuerà ad uccidere ancora perché i tumori che causa, mesotelioma, tumori polmonari, della laringe, asbestosi e nella donna tumore dell’ovaio, e altri ancora, ci mettono decenni a manifestarsi, e il picco è previsto tra il 2025 e il 2030.

 

Dai dati di Legambiente nel nostro Paese sono circa 370mila le strutture che contengono Eternit: per lo più edifici privati ma anche industriali e pubblici, comprese 2.400 scuole, 1.000 biblioteche e 250 ospedali. Per non parlare della rete idrica: sarebbero 300mila i km di tubature in cui è presente l’asbesto. Si tratta, però, di stime: il censimento dei siti inquinati non è stato completato in tutte le regioni.

 

In Italia negli ultimi dieci anni i morti per infortuni sul lavoro sono stati più di 17 mila.

Ogni anno sono 1.400 i morti sul lavoro (120 al mese) mentre decine di migliaia sono quelli per malattie professionali (solo per amianto oltre 6.000 all’anno).

A questi numeri vanno aggiunti gli altri morti del profitto causati dai risparmi sulla sicurezza (ponti che crollano, disastri ambientali, inondazioni e altro ancora) e oggi a causa del coronavirus anche medici, infermieri, personale sanitario, addetti alle pulizie degli ospedali.

Una strage che avviene nell’indifferenza che, oggi più che mai, diventa complicità.

ROMPIAMO IL SILENZIO. BASTA MORTI PER IL PROFITTO.

 

Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio

Aprile 2020

Inserito 5 mesi fa

Eventi

Giustizia per le vittime dell’amianto e dello sfruttamento

Giustizia per tutti i lavoratori e i cittadini assassinati  per il profitto

AL LAVORO PEGGIO CHE IN GUERRA:

In Italia negli ultimi dieci anni i morti per infortuni sul lavoro sono stati più di 17 mila. Ogni anno sono 1.400 i morti sul lavoro (120 al mese) mentre decine di migliaia sono quelli per malattie professionali (solo per amianto oltre 4.000 all’anno). A questi numeri vanno aggiunti gli altri morti del profitto causati dai risparmi sulla sicurezza (ponti che crollano, disastri ambientali, inondazioni e altro ancora).

Sabato 18 aprile 2020 – ore 16.00 corteo

partenza dal Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli” di via Magenta 88, Sesto San Giovanni, fino alla lapide di via Carducci

L'aumento degli incidenti mortali e degli infortuni sul lavoro, che avviene mentre diminuiscono i posti di lavoro, dimostra il peggioramento delle condizioni della sicurezza sul lavoro e di vita.

Imprenditori senza scrupoli, pur di risparmiare anche pochi spiccioli per la sicurezza e realizzare il massimo profitto, condannano a morte migliaia di lavoratori e cittadini, consapevoli di rimanere impuniti, protetti da leggi che difendono i carnefici e puniscono le vittime, come vediamo giornalmente nei processi penali.

ROMPIAMO IL SILENZIO. BASTA MORTI PER IL PROFITTO.

E’ ARRIVATO IL MOMENTO DI SCENDERE TUTTI IN PIAZZA.

Non possiamo assistere passivamente a questa mattanza di operai e cittadini per il massimo profitto. L’indifferenza, oggi, diventa complicità.

Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio                                                                                                        

Sesto San Giovanni (Mi)  aprile 2020               e-mail: cip.mi@tiscali.it

Inserito 6 mesi fa

Eventi

AMIANTO LA STRAGE INVISIBILE

Il 4 agosto durante la festa in ricordo dei GIORNI DELLA MEMORIA E DELLA SOLIDARIETA’ organizzata dai famigliari dei morti della strage ferroviaria di Viareggio ci sarà il dibattito “AMIANTO LA STRAGE INVISIBILE”, parteciperanno: Michele Michelino presidente del Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio di Sesto San Giovanni (Mi), Vito Totire, medico del lavoro, presidente dell'Associazione Esposti Amianto di Bologna, e Armando Vanotto presidente dell'Associazione Italiana Contro l’Amianto di Savigliano (Cn) e altri  

Inserito 3 anni fa

Eventi

Giovedì 8 giugno a Massa presentazione del libro AMIANTO: MORTI DI PROGRESSO di Michele Michelino e Daniela Trollio

Giovedì 8 giugno h. 21.00 a Massa Parco della Rinchiostra Via Mura della Rinchiostra nord 7 Assemblea-dibattito su: “Salute, sicurezza, ambiente”. Presentazione dei libri “Viareggio 29 giugno 2009” e Amianto: morti di “progresso” Partecipano le curatrici e gli autori: Riccardo Antonini, Michele Michelino e Daniela Trollio L'iniziativa è a cura del Collettivo S.O.S. (Salute-Organizzazione-Sanità)

Inserito 3 anni fa

Eventi

Presentazione del libro AMIANTO: MORTI DI PROGRESSO di Michele Michelino e Daniela Trollio.

Giovedì 8 giugno h. 21.00 a Massa Parco della Rinchiostra Via Mura della Rinchiostra nord 7 Assemblea-dibattito su: “Salute, sicurezza, ambiente”. Presentazione dei libri “Viareggio 29 giugno 2009” e “Amianto: morti di progresso” Partecipano le curatrici e gli autori: Riccardo Antonini, Michele Michelino e Daniela Trollio L'iniziativa è a cura del Collettivo S.O.S. (Salute-Organizzazione-Sanità)  

Inserito 3 anni fa

Eventi

Giornata mondiale contro l amianto corteo a Sesto San Giovanni, sabato 29 aprile 2017 alle 16.30 con partenza dal Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli”

Giornata mondiale contro l’amianto  Sono oltre 4000 i morti per amianto in Italia, 11 ogni giorno, una ogni due ore che muoiono di mesotelioma pleurico o di uno degli altri tumori asbesto correlati. Nonostante siano passati 25 anni dalla sua messa al bando, nel 1992, l’amianto continua a uccidere.  Questa strage è solo la punta dell’iceberg. Il numero di vittime, infatti, mostra un trend in crescita che, se non si procede con le bonifiche, dal 2020 rischia di diventare uno stabile problema ambientale, sanitario e sociale, mettendo a rischio anche la salute delle future generazioni. Il Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio organizza un corteo a Sesto San Giovanni, sabato 29 aprile 2017 alle 16.30 con partenza dal Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli” di Via Magenta 88, fino alla lapide di Via Carducci.  

Inserito 3 anni fa