Diaspora

Diaspora

Diaspora versus autoctonia. La nascita di per sé non è ancora l’evento che decide l’autoctonia, giacché chi viene al mondo viene da un altrove, per quanto ignoto esso sia; e dunque anche l’uscita dal ventre materno si configura come atto di migrazione, sempre accompagnato dal rischio di naufragio e annegamento. Nessun neonato sarebbe dei “nostri” per i sostenitori del diritto primario dell’autoctonia e dunque dovrebbe dichiarare le proprie generalità, lasciarsi identificare, in attesa che qualcuno decida se è autorizzato a rimanere. E non a caso al neonato si attribuisce un nome e un adulto, anche lui però migrante una volta, lo riconosce e lo accoglie. L’autoctonia è la condizione di chi, trascorso un certo tempo nello stesso luogo e avendo dimenticato la sua origine di migrante, rivendica un diritto speciale rispetto a chi sopraggiunge. L’uomo è naturaliter animale migrante ab origine e l’autoctonia è l’invenzione di chi vorrebbe opporsi al movimento della vita. L’autoctonia, celebrata nel mito di Cadmo seminatore dei denti del drago sconfitto, non è una categoria dello spirito, ma l’Europa sembra oggi aggrapparvisi di nuovo, dimenticando l’origine straniera della stessa figlia di Agenore, re di Tiro.

2016, pagg. 105, cm 13 x 20
ISBN: 9788865375235
Categoria: Poesia
Tag:
€12,50

Rassegna stampa

  • 06 luglio 2017
    "La passione di asapere" recensito su "Yvii24.it"
    A firma di Mimmo Chisari è apparsa sul sito di informazione delle terre dell’Etna Yvii24.it una bella recensione del libro curato da Pippo Virgillito e Claudio Tugnoli, volume incentrato sulla figura di Angelo Ciravolo, l’intellettuale paternese che scrisse: “Affrettati...
    Continua a leggere...

Altre notizie

Calendario eventi